Giovani disoccupati: in Italia più che altrove

On May 15, 2011, in Pensiamo noi, by Andrea Asoni & Ferdinando Monte

In due precedenti articoli abbiamo guardato alla disoccupazione giovanile in Italia in prospettiva storica. Vorremmo ora inserire il nostro Paese nel contesto europeo e internazionale. Sostanzialmente ci chiediamo se i giovani italiani, definiti come la fascia d’età che va dai quindici ai ventiquattro anni, abbiano prospettive lavorative migliori o peggiori dei loro coetanei internazionali.

Il primo grafico mostra la media della disoccupazione giovanile negli anni 2005/2007 in vari paesi OCSE. Ci fermiamo al 2007 per studiare il quadro internazionale pre-crisi; rimandiamo ad un prossimo articolo l’analisi degli effetti della crisi economica del 2008 sulle prospettive lavorative dei giovani. L’Italia si posiziona tra gli ultimi posti: la nostra disoccupazione giovanile è più alta di circa sette punti percentuali rispetto alla media europea. Tra i gli altri paesi solo la Polonia, la Slovacchia e la Grecia fanno peggio nel periodo di riferimento.

Continue reading »

Così fan tutte… o no?

On March 13, 2011, in Pensiamo noi, by Andrea Asoni & Ferdinando Monte


Negli ultimi tempi la televisione ci ha dato un’immagine dell’Italia un po’ pruriginosa. Per mesi è sembrato che buona parte della nostra penisola si fosse reinventata cast,regia, produzione e audience di quei filmetti un po’ così degli anni ’70 e ’80. L’immagine è quella di un paese dove le donne non hanno problemi a concedersi a uomini senza scrupoli in cambio di soldi o favori; un paese in cui tale comportamento non solo non è condannato ma è tollerato e persino incoraggiato, secondo il principio del “Così fan tutte”.

Quale è il rapporto reale degli italiani, e soprattutto delle italiane, con il sesso a pagamento? C’è stato forse un cambiamento radicale nella morale sessuale del nostro Paese nell’ultimo decennio, di cui le recenti cronache sono solo la manifestazione più evidente? Per rispondere a queste domande siamo andati ad analizzare i dati della World Values Survey, una indagine campionaria sugli orientamenti sociali, culturali e politici in diversi paesi del mondo. L’indagine, iniziata negli anni ’80, coinvolge ormai quasi sessanta paesi.

Continue reading »

L’istruzione scientifica declina in Italia

On May 15, 2010, in Pensiamo noi, by Andrea Asoni & Ferdinando Monte


Pubblicato su Generazione Italia

In un precedente articolo ci siamo occupati della quantità di capitale umano in Italia, ovvero del numero di laureati rispetto al totale della popolazione giovanile. In questo articolo guarderemo invece ad una delle dimensioni della qualità del capitale umano: la distribuzione dei laureati in diverse materie (secondo la classificazione dell’OCSE).

Il grafico 1 mostra la percentuale di laureati in diverse discipline sul totale dei laureati in Italia nel 2007. La parte del leone la fanno i laureati in Scienze Sociali (Economia, Sociologia, Storia etc) ed Economia Aziendale. Poi vengono Medicina, Ingegneria, Lettere, Scienze dell’Educazione e tutte le altre. In particolare notiamo come solo il 7% dei laureati italiani abbia un titolo in una materia scientifica (ad esempio Fisica, Matematica, Informatica, Biologia).

Continue reading »

In Italia venti anni di istruzione perduta

On May 7, 2010, in Pensiamo noi, by Andrea Asoni & Ferdinando Monte


Pubblicato su Generazione Italia

Tra le ragioni che spiegano il benessere economico di cui beneficiamo vi è l’accumulazione di capitale umano, ovvero di conoscenza teorica e pratica, da parte di ognuno di noi. Parte di questa conoscenza deriva da quello che impariamo sul posto di lavoro; il resto ci viene dall’istruzione formale ricevuta a scuola. Con questo articolo iniziamo una serie di interventi volti ad analizzare la situazione italiana; in particolare ci concentreremo sull’istruzione universitaria.

Il grafico (clicca per ingrandire) mostra il livello di istruzione universitaria in diverse coorti della nostra popolazione rispetto ad alcuni altri paesi dell’OCSE: i markers di diverso colore indicano la frazione di popolazione tra 25 e 34 anni con un titolo di studio universitario. Ad ogni colore corrisponde un diverso anno. Per esempio nel 2006 in Italia quasi il 20% dei giovani tra 25 e 34 anni ha una laurea. Il paese che fa meglio nel 2006 è il Canada dove la percentuale di laureati arriva quasi al 60%.

Continue reading »

L’Italia non cresce da decenni. Serve una scossa.

On May 2, 2010, in Pensiamo noi, by Andrea Asoni & Ferdinando Monte


Pubblicato su Generazione Italia

Durante il dibattito politico si fa spesso riferimento a concetti economici come il Prodotto Interno Lordo (PIL, ovvero il reddito totale prodotto in Italia in un dato anno) e la produttività del lavoro (ovvero l’ammontare medio di reddito prodotto da ogni lavoratore in una predefinita unità di tempo). In questo articolo proporremo tre semplici grafici che raccolgono alcuni fatti essenziali che ogni lettore di Generazione Italia dovrebbe avere presenti.

Il primo elemento che vorremmo discutere riguarda il PIL e la sua crescita (dati Penn World Tables).

Continue reading »

Web Statistics Increase your website traffic with Attracta.com